Le undici grandi città del mondo con maggior probabilità di trovarsi senza acqua potabile come Città del Capo

da Redaczione BBC Mondo- mia traduzione di massima, il testo completo consultabile qui: http://www.bbc.com/mundo/noticias-42975307?ocid=wsmundo..social.sponsored-post.facebook.SMP-agua-Mexico.nneed4.competitors.mktg

Città del Capo affronta la poco invidiabile situazione di poter diventare in alcune settimane la prima grande città del mondo moderno a trovarsi senza acqua potabile.

Ciò nonostante, la siccità che si trova ad affrontare questa città sudafricanan è appena uno degli esempi estremi di un problema che molti esperti stanno da tempo segnalando: la scarsità di acqua.Nonostante l’acqua copra il 70% della superficie terrestre, l’acqua dolce non è tanto abbondante come si pensa, è solamente il 3% di tutta l’acqua.

(Il giorno zero: 4 chiavi per comprendere perchè Città del Capo ppuò essere la prima grande città del mondo a trovarsi senz’acqua– Il giorno zero in cui per la prima volta una grande città del mondo potrà trovarsi senza acqua– Lascio i link in originale e dove sono posti nel testo per eventuali approfondimenti)

Più di 1.000 milioni di persone non hanno accesso all’acqua e ad altri 2.700 milioni manca almeno un mese all’anno.

Una ricerca sulle 500 città più grandi del mondo pubblicata nel 2014 ha calcolato che una su 4 di queste città si trovano in una situazione di stress di acqua, il che secondo le Nazioni Unite succede quando la somministrazione annuale scende sotto i 1700 metri cubi per persona. Una quarta parte delle principali città del mondo affrontano una situazione di stress dell’acqua

Secondo le proiezioni di esperti incaricati dall’ ONU, la domanda globale di acqua supererà la quantità somministrata nel 40% entro il 2030, grazie a una combinazione di fattori come il cambiamento climatico, l’azione umana e la crescita demografica.

Non dovrebbe quindi sorprendere che Città del Capo sia la punta dell’ iceberg

In ogni continente importanti centri urbani affrontano scarsità di acqua in una corsa contro il tempo per trovare una soluzione.

Queste sono le 11 città con maggiori probabilità di trovarsi senza acqua nel prossimo futuro:

San Paolo: La capitale finanziaria del Brasile, una delle città più popolose del mondo con più di 21,7 milioni di abitanti, ha attraversato nel 2015 una crisi simile a quella odierna di Città del Capo, quando la capacità del suo principale bacino si è abbassata sotto il 4%. Nel momento più critico aveva meno di 20 giorni di acqua disponibile, e la polizia doveva scortare i camion che trasportavano acqua potabile per evitare i saccheggi. Si pensa che il problema sia legato alla siccità che affrontò il Brasile tra il 2014 e il 2017, ma una missione dell’ ONU, inviata lì criticò le autorità per la mancata programmazione e investimenti.

La fine della crisi venne dichiarata nel 2016, ma nel gennaio dell’anno seguente le riserve stavano al 15% sotto la quantità attesa per quel periodo dell’anno, ponendo una volta ancora in forse la somministrazione regolare dell’acqua.

Bangalore

I funzionari locali di questa città indiana sono sconcertati per l’aumento della nuova urbanizzazione, dato che questo luogo è visto come centro tecnologico mondiale e stanno lavorando per amministrare al meglio possibile la rete dell’acqua e il sistema fognario della città. Le tubazioni antiquate di questa città necessitano un intervento totale e urgente: un indagine del governo ha verificato che più di metà dell’acqua potabile andava dispersa.

Così come la Cina, l’ India affronta un problema di contaminazione delle acque e le cose a Bangalore non sono diverse: una ricerca sui laghi della città ha scoperto che l’85% di questi aveva acqua unicamente per irrigazione o refrigerazione industriale, Nessun lago aveva acqua che si potesse usare per bere o lavarsi.

Pechino

La Banca Mondiale considera scarsità di acqua quando si ricevono meno di 1000 metri cubi annuali di acqua per persona. Nel 2014 ognuno dei più di 20 milioni di abitanti di Pechino ha ricevuto solo 145 metri cubi .

Benchè la Cina abbia il 29% della popolazione mondiale, può contare appena sul 7% di acqua potabile.

Uno studio dell’ Università di Colombia, negli Usa, ha stimato che le riserve del paese si sono abbassate del 13% tra il 2000 e il 2009

Vi è anche contaminazione, le cifre ufficali nel 2015 dicono che il 40% dell’acqua superficiale di Pechino era così contaminata da non poter essere usata per l’agricoltura o per l’industria. Le autorità cinesi stanno tentando di affrontare il problema con la creazione di progetti massivi di deviazione dell’acqua e con programmi educativi, oltre che con un rincaro delle tariffe per i grandi consumatori

Il Cairo

Il fiume Nilo è stato cruciale per la creazione dell’antica civiltà egizia, ma nei tempi moderni vi sono vari problemi. È la fonte del 97% della fornitura di acqua in Egitto, ma anche il recettore di crescenti quantità di sversamenti non trattati provenienti dalla agricoltura e dalle zone residenziali.

Secondo l’ OMS l’ Egitto è catalogato come uno dei paesi con versamento medio basso e con alto tasso di mortalità dovuta alla contaminazione delle acque. L’ONU prevede che il paese affronterà una scarsità critica entro il 2025

Giakarta

Come molte città costiere del mondo, la capitale dell’ Indonesia si trova di fronte alla crescente minaccia dell’alzamento del livello del mare. In Giacarta il problema è grave per l’azione umana diretta, dato che meno della metà dei suoi 10 milioni di abitanti ha accesso alla rete dell’acqua pubblica, la perforazione illegale dei pozzi sta dimezzando i bacini di acque sotterrannee, letteralmente abbassandoli. Così il 40% di Giacarta è sotto il livello del mare, secondo la stima della Banca Mondiale. A questo si aggiunge il fatto che i bacini non si riempiono nonostante le forti precipitazioni per la prevalenza di asfalto che non permette vi siano campi aperti per assorbire la pioggia.

Mosca

Una quarta parte delle riserve mondiali di acqua si trovano in Russia, però il paese ha problemi di contaminazione causati dal legato industriale dell’ epoca sovietica. Questo riguarda specificamente Mosca, che ricava il 70%della sua acqua da prelievi in superficie.

Gli enti preposti ufficialmente riconoscono che tra il 35 e il 60% di tutte le riserve di acqua potabile non sono in regola con gli standard sanitari

Istambul

Secondo le cifre ufficiali del governo della Turchia, il paese tecnicamente attraversa un periodo di stress per l’acqua, poichè la somministrazione procapite è scesa sotto i 1700 metri cubi nel 2016. Gli esperti locali hanno avvertito che la situazione potrebbe peggiorare e arrivare alla scarsità nel 2030

Negli ultimi anni le zone densamente popolate come Istambul (14 milioni di abitanti) hanno cominciato a sperimentare tagli all’acqua durante i mesi più aridi. I livelli degli envasi della città si sono ridotti al 30% della loro capacità all’inizio del 2014.

Città del Méssico

La scarsità dell’acqua non è niente di nuovo per molti dei 21 milioni di abitanti di Città del Messico.

Uno su cinque riceve appena alcune ore di acqua corrente e il 20% ha l’acqua corrente solo per parte del giorno. La città importa sino al 40% dell’acqua da fonti distanti, però non ha una infrastruttura per il riciclaggio dell’acqua dispersa.

La perdita di acqua dovuta a problemi nel sistema della tubazione si stima sul 40%

Londra

Di tutte le città del mondo, la capitale britannica non è la prima che viene in mente quando si pensa a scarsità di acqua. La realtà è però un’altra: con precipitazioni annuali sui 600mm (meno che Parigi e solo la metà di Nuova York) Londra prende l’80% della sua acqua per il consumo dai fiumi.

La autorità amministrativa della Grande Londra dice che la città sta arrivando quasi al limite delle sue capacità, e probabilmente avrà problemi di diffusione nel 2025, e “seria scarsità” entro il 2040 . Sembra che il divieto dei tubi per irrorare i giardini diventerà molto comune in futuro, a Londra.

Tokio

La capitale giapponese gode di una precipitazione annuale pari a quella di Seattle, una città statunitense considerata piovosa. Però queste precipitazioni a Tokio sono concentrate solamente in 4 mesi all’anno.

Questa acqua deve essere raccolta perchè una stagione di piogge meno intense potrebbe generare siccità

Così fanno le autorità della città: per lo meno 750 edifici pubblici e privati a Tokio hanno un sistema di raccolta e utilizzo dell’accqua piovana. Con i suoi più di 30 milioni di abitanti, la rete del’acqua di Tokio dipende per il 70% dalle acque di superficie (fiumi, laghi o neve sciolta).

Recentemente si è anche intervenuti sulla rete idrica per rinnovare il sistema di tubature e ridurre presto la dispersione a solo il 3%

Miami

Lo stato della Florida è uno dei più piovosi negli USA. Però nella sua città più famosa, Miami, sta nascendo un problema. L’acqua dell’ océano Atlántico ha contaminato il bacino acquifero di Vizcaya, la principale fonte di acqua dolce della città.

Benchè il problema sia stato segnalato negli anni trenta del secolo scorso, l’acqua salata continua a filtrare particolarmente perchè in questa città statunitense il livello del mare sta salendo più di quanto ci si aspettasse.

acqua sacra

Annunci

Informazioni su ragionandoci

scrittrice, artista, mi piace riflettere sulle cose, scrivo poesie, racconti, ci ragiono e ne scrivo... sono responsabile delle edizioni per l' associazione Stelle Cadenti
Questa voce è stata pubblicata in Guerra e pace, ragionamenti sul presente, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Le undici grandi città del mondo con maggior probabilità di trovarsi senza acqua potabile come Città del Capo

  1. patrizia cecconi ha detto:

    Anche Mosca?!?!?!? Terribile futuro ci attende…. poca acqua d tantd guerre. Un bacio Patrizia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...