TORNIAMO AD ESSERE UMANI

Continuo a condividere notizie sempre più difficili da maneggiare senza rabbia e ira, e trovo che il numero di compagne e compagni che si indigna con me è sempre ristretto a quella cerchia di persone che siamo sempre state impegnate sulla Palestina. Sì un comunicato qui o là e poi silenzio tombale.
Comincio a pensare che dobbiamo rifare tutto il percorso che abbiamo fatto per lasciarci ridurre così, dobbiamo tornare indietro, parafrasando Vittoio Arrigoni, dobbiamo tornare a essere umani: abbiamo permesso che quello che succede in Palestina, la violenza della occupazione diventasse così normale che intanto il tutto è arrivato nelle nostre strade.
Se guardo i fatti di Genova, la TAV e la repressione dei dissenzienti, la dissoluzione di ogni diritto, sia sul lavoro che per la vita sociale(siamo al decoro urbano, non alla condivisione!), l’indifferenza istituzionale sui 150 e passa morti sul lavoro nei primi tre mesi di quest’anno mi sembra di riconoscere lo stesso andamento della “sicurezza” e dell'”ordine ” che viene applicato in Palestina, molto più evidente e puntuale se consideriamo il trattamento dei migranti.
Mentre Israele fa affari sulla solidarietà a Gaza allo stremo e uccide a casaccio, giusto per ribadire che può fare tutto, i nostri compagni e compagne si preoccupano di come sarà il governo, e delle tante battaglie anche degnissime che si tengono sul territorio italiano.
Intanto gli ulivi millenari sono tagliati qui come in Palestina, il parere e la vita delle persone vale meno del diritto del padrone di gestire il lavoro nel modo più produttivo ed economico possibile, trlasciando sistemi di sicurezza e diritto delle persone a una vita degna. Puoi essere licenziata perchè “rubi” dalla spazzatura un giocattolo rotto, o perchè il tuo bambino malato impone dei tempi che non sono quelli dell’azienda, in pratica, a una vita, una famiglia non hai diritto, prima il lavoro. E ti danno sei in condotta se critichi l’alternanza scuola lavoro: zitto e obbedisci! Intanto in America Latina, in vari modi i popoli nativi, quelli che da sempre sono stati lì, e che la colonizzazione ha stremato e decimato, ancora oggi sono maltrattati, misconosciuti, lasciati ai margini, con una richiesta di integrarsi agli standard occidentali, ignorando abiti e tradizioni, e sopprattutto i diritti sulla propria terra, esproprioata da miniere e latifondi, e la comparsa di soldati israeliani in Cile e Argentina diventa minaccioso seme di altri espropri ed occupazioni…
Cito a memoria le prime cose che mi vengono in mente e che vedo collegate: sono convinta che se non si allarga una scia di condivisione delle lotte palestinesi, se non si costringe con la forza del BDS e delle nostre proteste pressanti e universali, a cambiare di segno e riconoscere i diritti delle persone e dei popoli, ciò che avviene in Palestina giustifica e comprende ogni altra repressione e delitto. Basta ricordare come Israele si è allargato sulla Siria, affiancandosi ai terroristi per combattere il governo legittimo, o come si tenta di demonizzare l’Iran, e ora anche la Russia, per avere mano libera su tutto il medio oriente. Non a caso proprio in questi giorni, con la mattanza dei dimostranti per il ritorno alla terra in corso, l’Arabia Saudita si è dichiarata a favore di Israele: se ancora non avete capito che il problema non è l’Islam, ma Israele e la sua ansia di potere e dominio, se avete ancora problemi a condannare lo stato di Israele riferendovi all’olocausto, forse dovreste rendervi conto che molti sopravvissuti all’olocausto dissentono e si sentono offesi e indignati dal comportamento di Israele!
TORNIAMO A ESSERE UMANI: FACCIAMO SCELTE DI VITA, SCEGLIAMO LE PERSONE, IL DIRITTO ALLA VITA, ALLA TERRA E ALLA LIBERTÀ PERSONALE, TORNIAMO A SOSTENERE IL DIRITTO DEI PALESTINESI, PERCHÈ DA ESSO DIPENDE ANCHE IL DIRITTO E LA LIBERTÀ DI TUTTE E TUTTI NOI.
Da boicottare
Annunci

Informazioni su ragionandoci

scrittrice, artista, mi piace riflettere sulle cose, scrivo poesie, racconti, ci ragiono e ne scrivo... sono responsabile delle edizioni per l' associazione Stelle Cadenti
Questa voce è stata pubblicata in Donne, Guerra e pace, Palestina, ragionamenti sul presente, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...